Introduzione al concetto di database Relazionale

di Andrea Aulicino

Al giorno d'oggi le basi di dati sono talmente diffuse che è difficile trascorrere una giornata senza aver, anche inavvertitamente, interagito con una di esse. Prelevare contanti da un bancomat, acquistare un libro, prenotare un volo, fare shopping on-line e persino fare la spesa, sono tutte operazioni che probabilmente coinvolgono un operatore o un programma informatico che interagiscono con una base di dati.

Proviamo a dare una definizione di base di dati:

Una base di dati è un insieme di dati correlati, organizzati in modo che possano essere manipolati e che possano evolvere nel tempo.

Un semplice esempio di base di dati è l'elenco telefonico. Una pagina di un elenco telefonico cittadino può presentare più o meno i seguenti dati:

rubrica1.gif

Si noti che i dati dell'esempio sono tutti correlati tra di loro e sono organizzati in ordine alfabetico per facilitarne la ricerca. I titoli delle colonne (Cognome, Nome, Indirizzo e Numero di Telefono) vengono chiamati metadati, mentre tutti gli altri sono i dati veri e propri. Ogni "riga di dati" prende il nome di tupla o record o riga, mentre tutto l'insieme forma una tabella.

Ora, proviamo ad ampliare l'esempio supponendo di voler costruire una base di dati per la gestione di una rubrica personale. Oltre al nome, al cognome e all'indirizzo di ogni persona vogliamo sapere il posto in cui lavora con relativo indirizzo e recapito telefonico. La tabella diventerebbe:

rubrica2.gif

Paperon De Paperoni vive di rendita e non ha bisogno di lavorare.

Anche se a prima vista corretta, una memorizzazione del genere non è conveniente: ogni posto di lavoro ha sempre gli stessi recapiti e Brambilla Michele e Rossi Luca lavorano presso la stessa banca. Tale soluzione spreca più spazio di quanto sia davvero necessario e in più ci complica la vita nel caso in cui vogliamo modificare i dati. Infatti se un'azienda cambia numero di telefono dovremo cambiare il numero di telefono in tutte le righe in cui è presente.

Un modo più intelligente di memorizzare tale base di dati è il seguente:

rubrica3.gif

Abbiamo creato due tabelle associate tra di loro. Brambilla Michele e Rossi Luca saranno associati entrambi alla riga relativa a Banca Europe, De Magistris Alessandro sarà associato alla riga della KL Elettronix, Paperon. De Paperoni invece non sarà associato a nessun posto di lavoro. Si noti che adesso un'eventuale modifica ai dati di un posto di lavoro si riflettere in modo automatico e trasparente su tutte le persone che vi lavorano.

Da questo semplice esempio è evidente come sia importante progettare nel modo corretto una base di dati. L'organizzazione dei dati ha un'importanza cruciale che si ripercuote sulla semplicità di gestione e sulle prestazioni del sistema. Se la progettazione viene fatta in modo sbagliato o, peggio ancora, non viene per nulla effettuata si rischia di ottenere un database di difficile utilizzo e che farà sicuramente perdere molto tempo nella stesura delle funzioni per la manipolazione dei dati.

3 commenti

1 Carlo Carlo martedì 28 giugno 2011, ore 12:31
Ma questo corso è adatto ai principianti di mysql?
2 Gianni Tomasicchio Gianni Tomasicchio martedì 28 giugno 2011, ore 19:41
Si
3 anna vero domenica 2 febbraio 2014, ore 19:00
è a pagamento?
Effettua l'accesso o registrati per inserire un commento